Cibo, mente e corpo:
la correlazione tra il cibo e il divertimento.

divertimento

I gusti e le abitudini nella scelta e preparazione dei cibi caratterizzano la quotidianità e l’alimentazione durante la giornata di ognuno di noi, in quanto il nostro rapporto con il cibo è strettamente connesso con il rapporto che abbiamo con il mondo.

Nella sua completezza l’alimentazione si compone del gesto del nutrirsi -attraverso cui ognuno costruisce ed esprime il proprio particolare “pezzo di mondo”- e della fame. Quest’ultima si traduce nello stimolo fisiologico che ci fa assumere cibo.

Ma neppure la fame può essere ridotta a così poco.

Questo perché viviamo costantemente immersi nelle sensazioni che provengono dal nostro corpo e dall’esterno e dunque il cibo si carica di un ruolo importante tra tali sollecitazioni. Trovare appagamento attraverso la prima forma di piacere sperimentata nell’infanzia: il mangiare.

Quando siamo piccini, il mangiare rappresenta tutto il nostro mondo:

  • saziare la fame
  • nutrirci
  • cercare conforto
  • protezione
  • comunicare con la nostra prima persona
  • instaurare una prima relazione con il mondo
  • trovare gioia e divertirsi

 

Crescendo le cose si ridimensionano perché altre attività collaborano alla nostra partecipazione nel mondo ed alla espressione dei sentimenti. Ma non cambiano poi così tanto, in quanto il cibo costituisce sempre uno dei motivi principali per cui il nutrirsi rappresenta il proprio pezzetto di mondo.

In questo pezzetto di mondo un ruolo fondamentale spetta al benessere, all’espressione di sentimenti positivi, al ridere e al divertimento.

Se associamo ad uno sano stile di vita e ad un po’ di sport quotidiano, anche qualche oretta di buone risate, una passeggiata all’aria aperta e del sano divertimento, ne godremo i risultati in più ambiti.

Infine se imparassimo ad accompagnare ogni ambito della nostra vita con sentimenti positivi e di divertimento, potremmo massimizzare i risultati di tutto ciò che facciamo.

Nel ambito alimentare, potremmo imparare ad ottimizzare gli effetti positivi del cibo e soprattutto di tutti quegli alimenti buoni e che ci migliorano l’umore. Stiamo parlando di quei cibi che appartengono alla nostra tradizione, ai nostri ricordi o a particolari momenti (fetta di torta, cioccolata, dolcetto, pezzetto di formaggio, fetta di salame).

Concedersi, con controllo e moderazione un premio culinario di tanto in tanto e provare a divertirsi anche quando si prepara una colorata insalata, sono i primi ingredienti per il buon equilibro e per ottenere dei buoni successi nel dimagrimento.

Per consigli, ricette e proposte alimentari: docFaber app

' style="overflow-x:hidden;overflow-y:scroll" '