Seleziona una pagina

Cosa mangiare d’estate?

Cosa mangiare d'estate

Alla domanda “Cosa mangiare d’estate?” ci risponde la Dieta Mediterranea ancora una volta, ricca di frutta e verdura estiva e colorata.

Perché tanta frutta e verdura?

Tutti sappiamo che d’estate mangiare molta frutta e verdura fa bene alla propria salute e questo è dovuto al contenuto di acqua, vitamine, sali minerali e fibre che proteggono l’organismo umano.
Ogni frutto e ortaggio possiede una certa composizione caratteristica e per questo motivo si consiglia di mangiarne quante più varietà possibili.

 

Frutta e verdura estiva

Mesi: giugno, luglio, agosto.

Per ogni frutto e verdura una curiosità

FRUTTA
  • Albicocche
    protagonista è il licopene, un carotenoide responsabile del suo colore con elevata capacità anti-ossidante che cattura i radicali liberi
  • Amarene
    ricche di vitamine A e C, rispettivamente utili per la salute di pelle ed occhi perché stimolano la produzione di collagene
  • Anguria
    carica di vitamine, sali minerali e acqua è un frutto molto diuretico che riveste un importante ruolo di drenaggio di fegato e reni
  • Ciliegie
    non sono solo buonissime sono anche una gran miniera di sali minerali, tra cui calcio, fosforo, potassio, sodio e magnesio
  • Fragole
    leggende romane
    raccontano che per la morte di Adone, Venere pianse così tanto che le lacrime si trasformarono in piccoli cuori rossi, da cui originano le fragole
  • Mandorle
    vantano il più alto contenuto fibroso di tutta la frutta secca. Ma quante mangiarne al giorno? Una piccola manciata di 7-8 fino a 10-15 al giorno se si pratica sport
  • Meloni
    protagonista è la niacina, conosciuta anche come vitamina PP o B3 che partecipa prevalentemente alle reazioni che liberano energia!
  • Nocciole
    nei paesi anglosassoni e negli Stati Uniti, le streghe si chiamano witch hazel (streghe nocciole), forse perché i celti consideravano il nocciolo un albero magico ed utilizzavano i frutti nei loro riti divinatori
  • Pere
    ricche di lignina, una fibra insolubile che ingloba una notevole quantità di acqua e svolge diverse funzioni intestinali
  • Pesche
    non mangiate il seme! Esso infatti contiene una sostanza che a contatto con la saliva libera acido cianidrico e può causare avvelenamenti
  • Susine
    scoop: susine e prugne sono lo stesso frutto! La differenza è che la susina rappresenta il frutto fresco mentre la prugna quello secco.
VERDURA
  • Asparagi
    la curiosità più inaspettata è che nella cittadina di Schrobenhausen (vicino Monaco) c’è il Museo Europeo degli Asparagi, dedicato alla cucina e all’arte di questo regale ortaggio
  • Carciofi
    anche se è un ortaggio prevalentemente estivo, nel caldo mese di agosto la Comunità di Uri (in Sardegna) viene letteralmente invasa per la Sagra del Carciofo Estiva, una festa di colori, di sapori e di alta cucina
  • Carote
    togliete le foglie prima di conservarle in frigo, perché le foglie succhiano le vitamine prima del tempo
  • Cetrioli
    sembra che già nel 1500 un medico italiano consigliasse alle sue pazienti di usare il cetriolo per curare i difetti della pelle
  • Fave
    sapevate che sono ricche di Levodopa l’aminoacido che migliora la concentrazione di dopamina nel cervello, il neurotrasmettitore del piacere?
  • Melanzana
    molto amara da cruda ma molto dolce se cotta, è la regina della parmigiana, moussaka greca, ratatouille provenzale, pasta alla Norma e caponata alla siciliana
  • Peperoni
    sapete che esiste una scala per misurare la piccantezza in peperoni e peperoncini chiamata Scala di Scoville?
  • Pomodori
    come nelle albicocche, il protagonista è il licopene, un anti-ossidante che cattura i radicali liberi
  • Ravanelli
    alcuni anni fa in Giappone nacque un ravanello gigante che fu chiamato Dokonjo Daikon = ravanello combattente!
  • Sedano
    conoscete il sedano bianco? Se non lo conoscete potete andare alla sagra in suo onore che si tiene ogni anno nel Veneto
  • Zucchine
    mai mangiate crude?
    Nel prossimo articolo, vellutata di zucchine crude (domani nel blog).