Seleziona una pagina

La frutta secca non è tutta uguale.

Quale scegliere?

frutta secca

La frutta secca è ricca di proprietà e benefici, scopriamoli

La frutta secca è un alimento concentrato di energia e ricco di proprietà nutritive. Con la caratteristica di contenere pochissima acqua ed essere essiccata, si può conservare a lungo e mangiarla in qualsiasi momento della giornata, è pratica e si adatta più o meno a tutti i pasti.

Quando e quanta mangiarne? Registrati e ricevi il tuo menù free

La frutta secca si divide in

GLUCIDICA e LIPIDICA

Di seguito la frutta secca lipidica:

Per NOCI, NOCCIOLE e MANDORLE leggi l’articolo QUI 

Pistacchi

pistacchi
Curiosità

Anche soprannominato “Seme che sorride” nella cultura iraniana e “Seme felice” in quella cinese, il pistacchio ha un’origine ed un’importanza storica nel mondo orientale. In Italia la sua produzione non è così sviluppata, se non fosse per Bronte, in Sicilia, dove sono tutelati dal marchio DOP e decantati nell’inno paesano, “U DIAMANTI VIRDI” di Gianni Belfiore.

Proprietà

  • antiossidanti: luteina, beta-carotene, tocoferoli 
  • sali minerali: fosforo, calcio, ferro e potassio
  • grassi mono e polinsaturi
  • tengono sotto controllo il colesterolo nel sangue,
  • prevengono i disturbi cardiovascolari
  • alleati di pelle e occhi (denti e fegato nella medicina popolare)
  • alto contenuto calorico ed energetico (massima attenzione in caso di diabete ed obesità)

Leggi anche: curiosità e proprietà nutritive della frutta secca glucidica

Spesa di gennaio: frutta e verdura di stagione e frutta secca.

Pinoli

pinoli

Curiosità

Considerati afrodisiaci, i Greci e i Romani consigliavano di mangiarli insieme a miele e mandorle prima di coricarsi per migliorare le attività notturne! Vi riportiamo sottovoce le parole di Plinio il Vecchio: “I pinoli spengono la sete, calmano i bruciori dello stomaco e vincono la debolezza delle parti virili”!
Si racconta inoltre che un tempo la raccolta dei pinoli, ritenuta rischiosa, era affidata a squadre di operai divisi in: scuotitori, coglitori, raccattini, caricatori e barrocciai.

Proprietà

  • acido linoleico (Omega 6)
  • beta-carotene 
  • triptofano
  • vitamine PP ed E
  • sali minerali: calcio, potassio, ferro, rame e zinco
  • acidi grassi mono e polinsaturi
  • tengono sotto controllo il colesterolo nel sangue,
  • anti stanchezza, invecchiamento, stress
  • alleati di pelle e stomaco
  • (parsimonia in caso di diabete ed obesità)

Arachidi

arachidi

Curiosità

LO SAPEVATE CHE LE ARACHIDI CRESCONO SOTTO TERRA?
La pianta di arachide è infatti un’erba annua originaria dal Brasile che presenta fusti erette, fiorellini dorati e frutti (precisamente legumi) SOTTERRANEI.

Coltivate in tutti i paesi caldi del mondo, mentre in Italia perlopiù in Veneto ed Emilia Romagna, si consumano sotto forma di:

  • legume tostato, durante aperitivi o in alcune ricette esotiche,
  • olio, utilizzato principalmente nelle fritture
  • burro, il famoso burro d’arachidi -consumato ormai in tutto il mondo

BURRO D’ARACHIDI: la sua origine sembra risalga al 1800, i cui tempi di povertà economica spinse molte famiglie a cercare un’alternativa sufficientemente proteica alla carne, il cui prezzo era decisamente meno accessibile.

Proprietà

  • proteine
  • acido folico
  • arginina
  • coenzima Q10
  • vitamine PP ed E
  • sali minerali: magnesio, potassio, fosforo, rame e zinco
  • acidi grassi mono e polinsaturi
  • tengono sotto controllo il colesterolo nel sangue,
  • anti mal di testa 
  • alleati di pelle, circolazione sanguigna e sistema nervoso
  • consiglio principale: consumarli al naturale, da preferirli a quelli tostati e salati

Anacardi 

anacardi

Curiosità

Simili alle arachidi nell’aspetto e nel sapore, a differenza delle prime nascono sugli alberi anziché sottoterra e non hanno la stessa durata, si rovinano subito e devono rimanere chiuse, per non irrancidire.

Molto utilizzati nei piatti cinesi e tailandesi, soprattutto in risotti e piatti di carne, in realtà in questi paesi sono stati importati solo intorno al XVI secolo; originari del Brasile ma coltivate in moltissimi paesi del mondo, inizieranno a far parte anche della nostra cucina?

Proprietà

  • flavonoidi
  • protidi
  • aminoacidi: acido glutammico, acido aspartico, metionina, arginina e alanina
  • fibre
  • acido oleico e palmitico
  • vitamine B, K, C ed E
  • triptofano
  • antiossidanti, zeaxatina
  • sali minerali: magnesio, potassio, sodio, manganese, ferro, fosforo, rame e zinco
  • acidi grassi mono e polinsaturi
  • tengono sotto controllo il colesterolo nel sangue
  • anti osteoporosi, fragilità vascolare, problemi articolari, stress
  • alleati di cuore, vasi e occhi

Noci di Macadamia 

noci di macadamia

Curiosità
Lo sapete che l’unico essere vivente oltre all’uomo a saper aprire la noce di Macadamia è un pappagallo del sud America? Che l’albero di Macadamia è anche chiamato Noce del Queensland, regione australiana da cui origina? E che si racconta che la Regina Elisabetta ne sia ghiotta tanto da richiederle ad ogni colazione?
  • PER UN APERITIVO GUSTOSO SENZA AGGIUNTA DI OLIO: condite le noci con il garam masala (una mistura di spezie tipica della cucina indiana e pakistana) a base di cannella, semi di cumino, coriandolo, cardamomo, chiodi di garofano, grani di pepe nero e curcuma e poi tostale per qualche minuto in forno
  • UN FORMAGGIO VEGANO: metti a bagno 1 etto di noci di macadamia per alcune ore, scolare le noci e poi frullarle -con un cucchiaino di sale, 40 ml di acqua, mezza capsula di fermenti lattici vegan ed una puntina di lievito alimentare- fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, versate il formaggio in un colino a maglie fine; lasciate fermentare per 1 o 2 giorni a temperatura ambiente (coprire con della carta stagnola con dei buchini per far passare l’aria); levate via il serio colato et voilà.

Proprietà

  • acido oleico e palmitico
  • fibre
  • vitamine A, B1 e B2
  • flavonoidi
  • tiamina
  • sali minerali: calcio e fosforo
  • acidi grassi mono e polinsaturi
  • combattono i radicali liberi l’invecchiamento cellulare, il colesterolo cattivo
  • anti osteoporosi, fragilità vascolare, problemi articolari, stress
  • alleati di fegato, intestino e muscoli

Noci del Brasile 

noci del Brasile

Curiosità

Considerate una bomba proteica e il più elevato concentrato di selenio, le noci del Brasile sono circondate da gusci durissimi e a loro volta contenuti in un unico guscio simile ad una noce di cocco, che -proprio come quest’ultima- cade da sola una volta raggiunta la maturazione.

Lo sapete che per sgusciarle con più facilità devono subire uno shock termico?

Proprietà

  • proteine
  • grassi polinsaturi
  • omega 3
  • fibre
  • vitamine E, C
  • sali minerali: selenio, zinco
  • antiossidanti
  • effetti antitumorali, antivirali e immunostimolanti 
  • alleati di pellecapelli, sistema immunitario, cuore, tiroide e crescita 

Noci Pecan

FRUTTA SECCA

Infine le noci raffigurate in copertina sono le Pecan.
Curiosità

Sapete che di Pecan ne esistono più di 500 tipi di versi? Alcune di queste possono essere coltivate in terreni più secchi, altre hanno bisogno di terreni umidi ma tutte hanno in comune una coltivazione di tipo sostenibile ed attento ai raccoglitori delle comunità locali. Molto celebre negli States è la Pecan Pie, una crostata a base di Pecan e sciroppo d’acero.

Proprietà

  • proteine
  • grassi monoinsaturi e polinsaturi e saturi
  • folati
  • fibre
  • vitamine E, A, B, C
  • sali minerali: potassio, fosforo, magnesio, calcio, ferro, zinco, selenio
  • antiossidanti
  • previene le malattie circolatorie
  • protegge i neuroni