Seleziona una pagina

Gli alimenti ricchi di iodio

Alimenti ricchi di iodio

Il rapporto tra iodio e alimentazione

Tra i sali minerali importanti per il nostro organismo, un ruolo fondamentale è rivestito dallo iodio (gruppo di oligoelementi). Il rapporto corretto tra iodio e alimentazione infatti partecipa all’equilibrio del metabolismo e ad altre funzioni corporee.

Dei diversi compiti che svolge questo minerale, sicuramente il principale è la sintesi degli ormoni tiroidei: la tiroxina e la triiodotironina. Essi, fungono da messaggeri regolatori del metabolismo corporeo e mantengono in forma l’organismo:

  • evitano l’accumulo di grassi o l’eccessiva perdita di peso,
  • trasformano ed impiegano le calorie,
  • regolano la temperatura,
  • rendono stabile la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca,
  • contribuiscono all’eliminazione delle tossine,
  • migliorano l’assimilazione degli altri minerali.

Fortunatamente nel nostro organismo è già presente una quantità minima, che tuttavia non ricopre il fabbisogno corporeo quotidiano -di circa 150-200 microgrammi– e per questo motivo è necessario reintegrarne l’assorbimento con l’alimentazione.

Iodio e alimentazione

È presente in diversi alimenti, sia di origine animale che vegetale; inoltre da quando è stato introdotto il sale iodato, reperibile in qualsiasi supermercato, non dovrebbe essere necessario ricorrere ad integratori.
Tuttavia è importante una corretta assunzione quotidiana, soprattutto per le donne in gravidanza ed è maggiormente da tenere sotto controllo, se si segue un’alimentazione vegetariana, vegana o povera di sale. In questo caso sarebbe consigliata un’integrazione di 200 mcg di iodio al giorno.

Per le persone che hanno un’alimentazione varia, oltre ad usare il sale iodato al posto di quello classico, si consiglia di integrare l’alimentazione quotidiana con i cibi più ricchi di iodio, in modo da evitare qualsiasi tipo di carenza.

Gli alimenti ricchi di iodio

ALGA KOMBU

In generale questo tipo di alga bruna è un’ottima fonte di minerali  (calcio, ferro, iodio), di fibre e vitamine.

MERLUZZO

Insieme a salmone e branzino, il merluzzo contiene buone quantità di I.

MOLLUSCHI E CROSTACEI

Oltre ad essere ricchi di proteine, selenio e fosforo, sono anche un’ottima fonte di I.

UOVA

Con circa 35 microgrammi per uovo, si consiglia di consumarle intere (con tuorlo) fino ad un massimo di 3 volte alla settimana.

PASTA

Il frumento contiene più quantità di iodio, rispetto agli altri cereali; meglio se di grano duro.

YOGURT

Adatto in ogni momento della giornata e super nutriente.

Ed infine frutta, verdura e legumi, tra cui bietole, zucchine, aglio, semi di sesamo e di soia, cime di rapa, spinaci e fagioli.

Sei vegetariano? 
Integra con frutta e verdura estiva:

Cosa mangiare d’estate:frutta e verdura estiva

È da tenere in considerazione il metodo di cottura, in quanto cotture come frittura, grigliatura e bollitura portano la perdita di circa il 50% di iodio.