Seleziona una pagina
Come funziona l’equilibrio ACIDO-BASE e perché è importante

Attraverso una breve e facile spiegazione scientifica -con l’aiuto del dottor Fabrizio Malipiero- andremo a spiegare oggi il termine alcalino e l’importanza dell’equilibrio del nostro pH.
I passaggi seguenti precedono l’articolo che pubblicheremo giovedì prossimo sull’alimentazione alcalina. In cui faremo un elenco di alimenti alcalini e acidi e vi daremo alcuni consigli da seguire.

Il nostro corpo per funzionare ha bisogno di energia che il nostro organismo ricava dalla nutrizione e nello specifico dal metabolismo dei grassi, carboidrati e proteine.
Da questo metabolismo si generano scorie metaboliche di natura acida che devono essere neutralizzate ed eliminate.
Per permettere questo meccanismo e affinché il pH del sangue non sia eccessivamente acido sono necessarie le cosiddette sostanze tampone e dei comportamenti sani.

L’equilibrio ACIDO-BASE

Intanto parliamo dei comportamenti scorretti che di solito assumiamo e che aumentano l’ACIDOSI:

  • scarso apporto di cibi sani
  • eccessivo consumo di cibi acidi
  • vita sedentaria
  • sport intensivo
  • scarso apporto di liquidi
  • fumo e alcool
  • farmaci e medicinali

Per tenere sotto controllo l’acidità possiamo fare delle valutazioni attraverso un facile metodo casalingo:
si deve misurare il valore di pH nelle urine con delle strisce indicatrici e il range di valore deve essere compreso tra i 5.0 e 7.4 (tenendo conto che pH 7 è neutro).
Inoltre dobbiamo considerare che ci saranno dei momenti durante la giornata in cui il pH sarà normalmente più acido: sempre appena ci si sveglia e lievemente acido prima di pranzo e prima di cena.

Il termine basico può essere sostituito da ALCALINO, il termine alcalinità esprime la quantità di sali alcali disciolti in un liquido che ne contrastano l’acidità.

Per mantenere l’equilibrio di acidità e basicità è necessario avere uno stile di vita sano.
Questo comprende:

  • un buon apporto di LIQUIDI,
  • MOVIMENTO FISICO: in modo costante e mai eccessivamente intenso,
  • ALIMENTAZIONE: gli alimenti alcalinizzanti dovrebbero ricoprire il 70-75% del apporto giornaliero, mentre il 25-30% di alimenti acidificanti.

Molti di questi ultimi però sono indispensabili per il nostro organismo e dunque non vanno eliminati ma consumati con moderazione e compensati con gli alimenti alcalinizzanti.

Di quest’ultimo argomento ne parleremo in modo approfondito nel prossimo articolo nella rubrica “Il dott. Fabrizio Malipiero consiglia” del giovedì.

Doris Pesce

Pin It on Pinterest