Seleziona una pagina
Oggi è martedì e DocFaber dedica la sua ricerca a tutti voi per parlare della farina.

Vi ricordate che martedì scorso abbiamo parlato della farina proveniente dai cereali? Tranquilli se vi siete persi il nostro articolo lo trovate direttamente qua 

Oggi parleremo di quella proveniente dai legumi.  Ma prima vi facciamo un piccolo riepilogo. Intanto iniziamo col dire che le farine possono derivare da più elementi diversi, siano essi piante erbacee, cereali, frutti, frutta secca, semi e legumi.

Noi per facilitarvi un po’ le cose le abbiamo divise in  tre grandi gruppi rappresentati da: farina di cereali, farina di legumi, farina di frutta secca e semi.  

Torniamo a noi con le

Farine di legumi:

Farina di arachide, lo sapevate che l’arachide è un frutto che nasce in un legume? In realtà è una pianta erbacea originaria del Sud America che ha una probabile origine ibrida. La sua farina è completamente priva di glutine, molto ricca di proteine e grassi buoni. Molto importante anche per la sua abbondanza di vitamine e sali minerali.  

Farina di ceci,  i ceci sono legumi ricchi di carboidrati e fibre, hanno anche un discreto apporto di proteine vegetali,  di sali minerali come ferro, calcio e fosforo.

Farina di cicerchie, è un legume appartenente ad una famiglia erbacea, consumato moltissimo in Asia e poco in Europa, ma molto dai nostri nonni. La sua farina così come il legume è molto ricca di proteine, vitamina B, sali minerali, fibre, calcio e fosforo.

Farina di fagioli, di fagioli ne esistono moltissime varietà: Borlotti, Cannellini, Maggiolini, Romani, Sarconi. Tuttavia la farina che conosciamo deriva maggiormente dalla qualità dei fagioli borlotti. Ha molte caratteristiche positive, prima fra tutte è essere completamente glutine, inoltre è ricco di proteine e per essere assorbite dal nostro corpo devono essere consumati insieme a dei carboidrati, meglio no?

Farina di fave, uno dei legumi più ricchi di ferro, fosforo, calcio e vitamine B e anche A e C in piccolissime quantità. Si trovano soprattutto in questo periodo dell’anno, ma negli altri mesi si possono trovare in altre forme, surgelate, in barattolo e secche. E proprio da queste ultime deriva la farina, molto consigliata soprattutto per le alimentazioni vegetariane e in cui possono esserci carenze di proteine e ferro.

Farina di lenticchie, nel caso delle lenticchie la procedura per ricavare la farina è leggermente diversa. Anch’esse vengono macinate essiccate, ma rispetto alle altre vengono usate integralmente e non decorticate; contengono infatti una gran quantità di fibre. Inoltre la farina di lenticchie è spesso miscelata a quella di glutine, in modo da dare consistenza e anche crescita dell’impasto.

Farina di lupini, molto ricchi di proteine e potassio, in realtà i lupini si distinguono per due motivi: contengono molta tiamina e si mangiano solo cotti! Per quanto riguarda la farina, in realtà essa è particolarmente usata nell’ambito zootecnico e molto poco nel nostro. A volte è possibile incontrarla nei preparati di tipo vegetale insieme a quella di lenticchie come legante e aumentarne il carico proteico.

Farina di piselli, i piselli sono legumi ricchi di carboidrati, fibre e sali minerali, sono anche molto importanti per l’amido e le proteine, anche se sono tra i legumi che ne contengono meno. La loro farina oltre a rientrare nei preparati vegetariani, la troviamo in quelli vegani, perché può essere usata per formaggi vegani di qualsiasi genere.

Farina di soia, la farina è ricavata dai residui secchi dei legumi (già decorticati) avanzati della spremitura per la preparazione dell’olio. Risulta ricca di elementi nutritivi come la vitamina B, omega 3, il fosforo e il ferro, inoltre è gluten free e soprattutto contiene il 50% di proteine.

 

Sicuramente consumare le farine di legumi è una scelta molto appropriata per il nostro organismo, per il loro apporto energetico, proteico, di vitamine e fibre. Tuttavia non esagerate con i preparati che le contengono, perché seppur ricchi di farine di legumi, sono anche ricchi di sale e spesso glutammati e conservanti. Fate sempre una scelta varia per la vostra nutrizione.  

A martedì per le farine della frutta.

Pin It on Pinterest